mi leggono

ci son giorni

in cui fai fatica, fatica a vivere. vai a dormire esausta e ti alzi stanca ancora di più..ma devi farlo. e ti svegli alle 3, cerchi di riprendere sonno ma non riesci, prendi un libro leggi un pò..ma non funziona. si son fatte le 4 a quel punto ti alzi tanto..ti piazzi sul divano allunghi le gambe no, non puoi riprendere il xx perchè la spalla ti fa male e qundi via di telecomando..e alle 4 credeteci non c'è un piffero in tv..ti svegli con il rumore del micro che scalda il cappuccio..ma manca quel senso di urgenza.. sembra provenire tutto da altro.in qualsiasi caso ti prepari, prendi i vari documenti preparati il giorno prima in 3 ore di scartabellamenti ..e anche questa tocca a te..e poi esci e vedi il 14 che sfila davanti ai tuoi occhi..aperti?..arrivi in pensilina e arriva il 21..lentamente.. lo prendi arrivi in fermata di cambio e vedi sfilare il cambio ..cribbio in anticipo? è la quarta volta in una settimana..e poi apri la serranda controllando 3 volte di non far scattare la sirena e l'assalto.. gente che ha fretta tanta fretta e dà per scontato che tu vivi qui, dietro un bancone.. ma in effetti a loro che importa? importa solo quello di cui han bisogno..presto subito.. e ti metti un sorriso su perchè senza quello è tutto ancora più difficile più pesante.. più stancante..
sono stanca e sono a 3 ore di lavoro fatte..me ne aspettano ancora 7 se mi va bene.. e piove sul bagnato..ma questa è un altro paio di maniche

6 commenti:

  1. Già...purtroppo conosco "quei" giorni e non voglio essere assolutamente negativa e pessimista ma ultimamente "questi" giorni mi sembra che si siano intensificati!!! Mannaggia!!! In bocca al lupo, forza e coraggio, passano anche questi giorni!....Chi lo sa...magari un giorno li rimpiangeremo! Ciao ciao Gisella

    RispondiElimina
  2. dai forza, resisti, sono già le dieci.... e mentre sei lì pensa a quello che ti aspetta a casa, sì c'è tanto daffare con i mostrilli ecc ecc ma ti vogliono tanto bene e poi se ti avanza un pochino di tempo, ci sono le amate crocette che ti liberano la mente.....
    un bacio bello grande con lo schiocco!

    RispondiElimina
  3. Ci pensavo stamattina, alla sequenza costante di cose che tutti i giorni faccio, quando ieri qualcuno mi ha chiesto se tornerei indietro e mi riprenderei il marito in casa. Quello magari no, ho risposto, ma tu non ti rendi conto di che cosa sia mangiare con un muro bianco davanti, parlare solo con seienni e ottenni che a volte non fanno nemmeno una vera e propria convesazione, che chiedono, no, scusa pretendono.
    Massima comprensione da chi è nel pieno di un periodo no. Per fortuna che siamo già al 17 e maggio ha solo 31 giorni. Il peggior mese dell'anno.
    Roberta

    RispondiElimina
  4. A parte l'autobus n.21 e la serranda da tirar sù... potrebbe essere il qudretto di una mia giornata-tipo.
    Avanti Ros, siamo decisamente nella stessa barca.
    Dobbiamo stare "visine-visine" e lo siamo, no?
    Un megabbraccionestritoloso
    Susanna Cerere

    RispondiElimina
  5. so cosa vuoi dire quando bisogna sfoggiare quel sorriso finto anche con chi davanti a te è arrogante e a volte maleducato ....e tu sorridi e pensi se potessi mandarlo ........ ma c'è quel maledetto bancone che ti obbliga a un cliché e le persone si aspettano quello ....per fortuna il tempo per me passa in fretta....non mi accorgo delle ore che passano e già questo lo considero una bella fortuna...glo

    RispondiElimina
  6. Ros, che dire........... tante coccole e speriamo che arrivino presto giornate migliori

    RispondiElimina

il tuo commento è molto gradito.. anzi di più