mi leggono

sospiri



« ...Vorrei, direi, farei... »
Che maniere raffinate
ha il modo condizionale.
Mai che usi parole sguaiate,
non alza la voce per niente,
e seduto in poltrona
sospira gentilmente:
.« Me ne andrei nell' Arizona,
che ve ne pare?
O forse potrei
fermarmi a Lisbona...
« Vorrei, vorrei...
Volerei sulla Luna
in cerca di fortuna.
E voi ci verreste?
Sarebbe carino,
dondolarsi sulla falce
facendo uno spuntino...
« Vorrei, vorrei...
Sapete che farei?
Ascolterei un disco.
No, meglio, suonerei
il pianoforte a coda.
Dite che è giu di moda?
Pazienza,
ne farò senza.
Del resto non so suonare...
« Suonerei se sapessi.
Volerei se potessi.
Mangerei dei pasticcini
se ne avessi.
C'è sempre un se:
chissà perché
questa sciocca congiunzione
ce l'ha tanto con me 


G.Rodari 




studiavo ieri con la mostrillina.. bella:)

1 commento:

  1. Molto bella, in effetti.
    Ma ricordo una cosa che dissi a mio papà, che mi venne così...
    "con i SE ci si riempiono i secchi"...non so perchè, ma il fatto che si aspetti un "se" che deve arrivare non è molto nelle mie corde, io sono per l'agire, lo sai.
    Che bello poter dire "lo sai", non trovi?
    Con il cuore e la mente

    Cia

    RispondiElimina

il tuo commento è molto gradito.. anzi di più